Escursioni in Valle Formazza
Partecipa
Lago del Sabbione

La Val Formazza (Pomatt in tedesco), dispone di ben 71 laghi, per la maggior parte situati tra i 1.800 e i 2.500 metri di quota. la metà è rappresentata da bacini atrificiali, alcuni dei quali creati ex-novo completamente, altri solo sfruttando specchi d'acqua preesistenti. L'alta Val Formazza conta otto bacini artificiali, dove il piu vasto è un invaso capace di oltre 400 milioni di metri cubi d'acqua: si tratta del Lago del Sabbione a 2.466 metri di altitudine. Nelle sue acque glaciali si specchiano la Punta d'Arbola e la Punta d'Hohsand. Il suo superbo ghiacciaio, che prende il nome di "ghiacciaio dell'Hohsand", alimenta inesauribilmente le acque del Sabbione.

Tutto ciò, però, avviene a danno del ghiacciaio stesso, perchè le acque compiono un'opera di costante deinolizione della calotta.
Il suo scioglimento, favorito dal crearsi di un vero e proprio microclima circosta te (estati temperate e inverni più miti), comporta l'arretramento della massa glaciale di circa 40/50 metri all'anno.
A questo si aggiungono le precipitazioni, che prima della costruzione dei bacini erano esclusivamente nevose, mentre adesso sono anche a carattere piovoso.
La diga del Sabbione forma il serbatoio più importante della valle. E' del tipo a gravità alleggerita, lunga 300 metri, alta 60, con uno spessore alla base di 55, volume complessivo 140.000 metri cubi di calcestruzzo.
L'itinerario per il Sabbione prende il via dal piazzale terminale della strada di Morasco (1.837 m) alla fine del lago.
Occorre discendere per tracce di sentiero sotto la stazione della funivia Enel, attraversare il torrente e proseguire a sinistra in direzione della stretta e scoscesa forra del Rio del Sabbione. Si rimontano i tornanti a destra della gola e dopo un ripido tratto si prosegue sino a raggiungere il baitello di Zurn Stock (2.100 m), punto in cui si incontra il sentiero per il Rifugio Città di Busto. Bisogna continuare sulla sinistra sul sentiero che prosegue in direzione del fondo della valle, guadare il torrente e prendere quota diagonalmente sui fianchi settentrionali della Punta di Sabbione.
Su antica morena si raggiungono i cantieri del la diga, e, nel volgere di poco, i rifugi Somma Lombardo (2.561 m) e Cesare Mores (2.550 m). Dalla diga del Sabbione è possibile compiere diverse escursioni. Tra le più belle e meno faticose, consigliamo anche quella che raggiunge il rifugio Claudio e Bruno (2.710 m), meno di un'ora di cammino su sentiero ben marcato e in lieve pendenza. Tale percorso offre la possibilità di ammirare l'imponente mole della Punta d'Arbola e il vasto bacino del Sabbione con l'omonimo ghiacciaio.

Accesso Automobilistico:
Autostrada fino a gravellona Toce; poi supestrada ossolana sino in prossimità dell'abitato di Crodo, strada carrozzabile fino al lago di Morasco (48km ca. da Domodossola)

made with love from Joomla.it

operatori turistici

Con oltre 140.000 visite annue ossola.com è dal 1997 il portale turistico numero uno delle valli dell'Ossola. Se sei interessato ad avere visibilità su questo portale contattarci ora!