cultura

Il Genepy

artemisia glacialis

Questa una delle numerose "ricette" per preparare un'ottimo Genepy

Ingredienti:
- 20 piantine di artemisia glacialis (fiore e gambo)
- 1 litro di alcool
- 1 litro di acqua bollita
- 400 grammi di zucchero

Preparazione:
Far macerare venti piantine di Artemisia Glacialis in un litro di alcool da liquore per quarantacinque giorni. Aggiungere un litro di acqua bollita con quattro etti zucchero. Lasciare depositare per una notte, quindi filtrare. Per ottenere un buon liquore, si consiglia di lasciarlo riposare almeno un mese prima di consumarlo.

Walser in Italia

ausone in autunno Storia degli insediamenti Walser in Italia

La vicenda delle alpi italiane è caratterizzata da lunghi secoli in cui esse sono vissute ai margini della storia dell’epoca antica, erano sostanzialmente solo una zona di confine fra terre e popolazioni differenti. Anche nell’epoca romana non venivano sfruttate economicamente, l’agricoltura era solo orticulturale, molti fondovalle erano paludosi e insalubri, come si è valutato potesse essere la bassa Valle Ossola. Nelle alpi occidentali dominavano gruppi celtici, nell’est altri popoli come gli antichi veneti e i retici, un popolo la cui origine etnica rimane tuttora controversa. I Germani cominciarono a venire in contatto coi Romani nel tardo periodo repubblicano e, col passare del tempo, i contatti si intensificarono; furono registrate alcune scorrerie e scaramucce e in seguito scambi di tecnologie.
Leggi tutto...

Gnocchi all'ossolana

gnocchi all'ossolana

Dosi per 6/8 persone: Farina di Frumento 300 gr., Farina di  Castagne 150 gr., Patate 1 Kg., Zucca Gialla 60 gr., un ciuffetto di Salvia, Tuorli d’uovo n. 2, Pane Grattugiato 150 gr., Formaggio di Malga, Burro, Sale, Pepe, Noce Moscata - - Lessate, separatemente, le patate e la zucca; sbucciatele e passatele al setaccio. Disponete la farina bianca e di castagne a fontana, aggiungete le patate, la zucca, i tuorli d’uovo, sale, pepe e una spolverata di noce moscata. Impastate il tutto, aggiungendo un poco alla volta il pane grattugiato. Ricavate ora dei classici gnocchi e immergeteli in abbondante acqua salata. Non appena riaffiorano, scolateli e fateli saltare in una padella dove precedentemente avrete fatto soffriggere la salvia nel burro, aggiungendo alla fine dadini di formaggio nostrano.

Antica Gastronomia di Bognanco

bognanco Dai ricordi della signora Teresa Giordana, classe 1888, nei racconti fattomi negli anni ‘70.
Ogni tanto la signora Teresa veniva a farmi visita all'albergo Edelweiss, visto che abitava a sei metri di distanza e facevamo quattro chiacchiere da buoni vicini parlando del più e del meno. Era molto colpita dal menù in vista in sala ristorante; quella lettura era per lei meravigliosa perché la riportava al passato, quando era povera.
Cercherò di illustrare il suo racconto in questa memoria: “quando eravamo ragazzini, non potevamo avere tutto questo ben di Dìo: antipasto, primo, secondo, verdure, dolci.
Leggi tutto...

Dolce di castagne e nocciole

dolce di castagne

Ingredienti: 450 gr. di castagne; 100 gr. di burro; 100 gr. di nocciole; 200 gr. di zucchero; 4 uova; 1 limone non trattato; un pizzico di sale; 30 gr. di zucchero a velo vanigliato.

sbucciare le castagne e cuocerle coperte d’acqua per circa 1 ora. Spellarle ancora calde e ridurle a consistenza cremosa utilizzando il passaverdura.
Fondere il burro e lasciarlo raffreddare. Tritare le nocciole e incorporarle alle castagne. Separare i tuorli e unirli allo zucchero, al burro freddo e alla scorza del limone grattuggiata.
Montare gli albumi con una punta di sale e incorporarli al composto. Versare tutto il contenuto in una tortiera a bordi alti.
Infornare a 180°C per circa 45 minuti. Lasciare raffreddare e coprire con lo zucchero a velo.

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »