Cultura
Partecipa
  • anza_folklore.jpg
  • anzasca_milizia2.jpg
  • museo_montagna.jpg
  • food_pane.jpg
  • vigezzo_spazzacamini.jpg
  • torchio.jpg
Il Rosa

Giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca

Dal 1962 “Il Rosa” è il giornale di Macugnaga e della Valle Anzasca, mezzo di comunicazione che ha permesso di costruire (e in cui si riconosce) l’identità territoriale di una valle alpina.

Leggi tutto: Il Rosa

Segale

Questo nobile cereale, conosciuto almeno dall'età del bronzo nei paesi dell'Europa centro-settentrionale, era diffusamente coltivato a scopo alimentare, anche nelle nostre valli, come testimoniano i numerosi mulini dislocati lungo i corsi d'acqua e i forni presenti nelle frazioni dei vecchi centri abitati.

Leggi tutto: La cultura della segale

Il Genepy

Questa una delle numerose "ricette" per preparare un'ottimo Genepy

Ingredienti:
- 20 piantine di artemisia glacialis (fiore e gambo)
- 1 litro di alcool
- 1 litro di acqua bollita
- 400 grammi di zucchero

Leggi tutto: Il Genepy

Gnocchi all'Ossolana

Dosi per 6/8 persone: Farina di Frumento 300 gr., Farina di  Castagne 150 gr., Patate 1 Kg., Zucca Gialla 60 gr., un ciuffetto di Salvia, Tuorli d’uovo n. 2, Pane Grattugiato 150 gr., Formaggio di Malga, Burro, Sale, Pepe, Noce Moscata 

Leggi tutto: Gnocchi all'ossolana

Bognanco

Dai ricordi della signora Teresa Giordana, classe 1888, nei racconti fattomi negli anni ‘70. Ogni tanto la signora Teresa veniva a farmi visita all'albergo Edelweiss, visto che abitava a sei metri di distanza e facevamo quattro chiacchiere da buoni vicini parlando del più e del meno. Era molto colpita dal menù in vista in sala ristorante; quella lettura era per lei meravigliosa perché la riportava al passato, quando era povera. Cercherò di illustrare il suo racconto in questa memoria: “quando eravamo ragazzini, non potevamo avere tutto questo ben di Dìo: antipasto, primo, secondo, verdure, dolci.

Leggi tutto: Antica Gastronomia di Bognanco

Dolce di castagne e nocciole

Ingredienti: 450 gr. di castagne; 100 gr. di burro; 100 gr. di nocciole; 200 gr. di zucchero; 4 uova; 1 limone non trattato; un pizzico di sale; 30 gr. di zucchero a velo vanigliato.

sbucciare le castagne e cuocerle coperte d’acqua per circa 1 ora. Spellarle ancora calde e ridurle a consistenza cremosa utilizzando il passaverdura.
Fondere il burro e lasciarlo raffreddare. Tritare le nocciole e incorporarle alle castagne. Separare i tuorli e unirli allo zucchero, al burro freddo e alla scorza del limone grattuggiata.
Montare gli albumi con una punta di sale e incorporarli al composto. Versare tutto il contenuto in una tortiera a bordi alti.
Infornare a 180°C per circa 45 minuti. Lasciare raffreddare e coprire con lo zucchero a velo.

Zuppa Walser

Preparare un brodo di carne con verdure (sedano, carota, cipolla), tostare il pane nero in forno, a parte far brasare la cipolla bionda in forno con un noce di burro e mezzo bicchiere di vino bianco per circa due ore a fiamma bassa. prendere una pirofila adagiarvi  il pane tostato, la cipolla brasata e finire con del formaggio ossolano cubettato, passare in forno a 200° fino a completa gratinatura.

Risotto al Bettelmatt

...irrorato di Prünent

Ingredienti per 4 persone:
400 g di riso; 200 g di Bettelmatt; 60 g di burro; 2 bicchieri di vino Prünent (è un vino ossolano); brodo di carne; cipolla; sale e pepe.
Tritate finemente la cipolla e metterla a rosolare in una casseruola con il burro; appena preso colore aggiungere il riso e lasciate tostare; bagnate poi con il vino, ed appena evapora continuare la cottura col brodo, insaporendo con sale. Aggiungete quindi il formaggio Bettelmatt, amalgamando bene ed infine servire ben caldo.

Per approfondire: bettelmatt.net

Fonduta di Bettelmatt

Ingredienti per 4-6 persone: 500 g di Bettelmatt; 3 dl di latte; 5 tuorli d'uovo; 50 g di burro; 1 spicchio d'aglio; sale; pepe.
Tagliare il formaggio a dadolini. In una terracotta sciogliere il burro ed unirvi lo spicchio d'aglio intero, da togliersi a fine cottura. Unire il formaggio e, a mano a mano che esso si scioglie, aggiungere ogni volta un poco di latte ed un tuorlo, amalgamando il composto con estrema cura tra un'aggiunta e l'altra. Salare e pepare a piacere. Quando il composto sarà cremoso ed omogeneo, servirlo caldissimo con bocconcini di pane.

 

Per approfondire: bettelmatt.net

Ricetta Walser
Che l'economia montana fosse legata a doppio filo soprattutto con l'allevamento, con il bianco dei latte, lo dimostra anche la gastronomia tipica che nell'alta valle è prettamente Walser (più in basso é diversa, risente di altre suggestioni). Uno dei piatti più noti, e anche del più originali in senso assoluto, è la "Torta delle Vacche". Un dolce realizzato con il colostro, cioé con il primo latte destinato allo svezzamento del vitellino; una sostanza unica, ricca di sostanze, gustosissima. Della ricetta ne esiste anche una versione "edulcorata", crediamo per la difficoltà di reperire il prezioso liquido, nonché leggermente arricchita per i gusti moderni.

Leggi tutto: Ricetta Walser

Il pane di Sasseglio

Da Sasseglio a Coimo, dal grano al pane

Il delizioso nucleo abitativo di Sasseglio, adagiato ad occidente di Druogno, è caratterizzato da un impianto rurale e si sviluppa  intorno ad un bel mulino. Questo è una delle poche strutture comunitarie rimaste in Valle Vigezzo. Un tempo, vari paesi erano dotati di mulini, solitamente di proprietà privata, ma utilizzati a pagamento dalla comunità. 

Leggi tutto: Il pane di Sasseglio

Eventi Valli dell'Ossola