Cultura
Partecipa
  • anzasca_milizia2.jpg
  • vigezzo_spazzacamini.jpg
  • food_pane.jpg
  • torchio.jpg
  • anza_folklore.jpg
  • museo_montagna.jpg
Dolci tradizionali di Formazza

BROTJÊ

DOSI PER 4 / 6 PERSONE
250 grammi di farina bianca - 250 grammi di fecola - 4 uova intere 2 tuorli - 1 cucchiaino di lievito - 1 bustina di vanillina - buccia grattugiata del limone - 6 cucchiai di olio - 6 cucchiai di zucchero
In un recipiente, sbattere le uova con la scorza del limone, zucchero, olio e la vanillina.

Bignè ai mirtilli
Ingredienti Pasta à choux per bignè
(dosi per 6-8 persone): 200 ml acqua, 120 g burro, 1 pizzico di sale 150 g farina, 8 uova

Fate bollire l’acqua con il burro e il sale. Una volta raggiunto il bollore, togliete dal fuoco ed aggiungete in una
sola volta tutta la farina. Mescolate energicamente e poi rimettete sul fuoco fino a quando il composto comincerà a sfrigolare e si staccherà dalle pareti della casseruola.

Risotto ai Mirtilli

Ingredienti
per 4 persone:2 tazze da caffelatte di riso,½ tazza di mirtilli, 1 cipolla, ½ bicchiere di vino bianco, brodo, mezza tazza di formaggio grana grattuggiato,olio q.b.

Scaldate l’olio in una casseruola e aggiungetevi il riso; fatelo tostare e aggiungete il vino, che farete evaporare a fuoco alto. Aggiungete quindi il brodo bollente, poco alla volta, mescolando frequentemente. Mentre il riso è sul fuoco lavate i mirtilli, asciugateli e frullateli, avendo cura di lasciarne qualcuno da parte per la guarnizione. Controllate spesso la cottura del riso: non appena mancano pochi minuti aggiungete la purea di mirtilli, terminate la cottura, poi togliete il riso dal fuoco e lasciatelo riposare per qualche minuto. Servite guarnendo con i mirtilli rimasti.

Tagliatelle al ragu' di capriolo

Ricetta dello chef Giorgio Carelli (per 4 persone)

Per le tagliatelle: 200 gr. di farina di segale - 100 gr. di farina 00 un pizzico di sale - 3 uova intere - 1 cucchiaio di olio d'oliva per il ragu':200 gr. di polpa di capriolo - una gamba di sedano - 1/2 cipolla una carota - una fetta spessa di lardo - due foglie di alloro - due chiodi di garofano - 1/2 bicchiere di vino rosso - due cucchiai di passata di pomodoro - olio, sale, brodo

La laugera
Roccia serpentinosa verde utilizzata in passato per la costruzione.

Facile da lavorare, resistente alle alte temperature e con una conduzione termica anche dieci volte superiore ai materiali refrattari, la pietra ollare è il non plus ultra per la cottura alla piastra. La steatite, questo il nome scientifico della pietra nata in milioni d’anni sotto la pressione di rocce ricche di talco magnesio, non può essere riprodotta artificialmente. E, per questo, è ancor più preziosa.

Casa Walser

La vicenda delle alpi italiane è caratterizzata da lunghi secoli in cui esse sono vissute ai margini della storia dell’epoca antica, erano sostanzialmente solo una zona di confine fra terre e popolazioni differenti. Anche nell’epoca romana non venivano sfruttate economicamente, l’agricoltura era solo orticulturale, molti fondovalle erano paludosi e insalubri, come si è valutato potesse essere la bassa Valle Ossola.

Autani in Valle antrona

Le “Autani” sono due processioni che si svolgono il mese di luglio in Valle Antrona. La più nota è quella “dei sette fratelli” e parte da Montescheno; la seconda, che si tiene la domenica più vicina al 25 luglio, festa di S. Giacomo, è detta appunto di S. Giacomo e prende il via da Seppiana. Le origini delle “Autani” (il termine dovrebbe derivare da una contaminazione dialettale di “litanie”), vanno ricercate nelle esigenze delle comunità montane di esorcizzare le malattie del bestiame o le calamità naturali.

Pane ossolano

Di frumento, di grano saraceno, di miglio, di mistura, di segale o scaià, il pane è da sempre uno degli alimenti base della cucina ossolana. Semplice, nutriente, sostanzioso, è stato una delle principali fonti di sostentamento delle popolazioni che nei secoli hanno abitato le nostre montagne.

 sagra delle ciliegie Sagra delle ciliege
La sagra che dà il via a tutte le altre, a inizio giugno ad anzola, in un area attrezzata appositamente, tante ciliege, buonsa cucina, musicha e balli. Una sagra molto sentita e affollata. 
 sagra della lumaca Sagra della Lumaca

Si tiene a Crevoladossola tra la prima decade di Agosto. La cucina propone lumache alla bourgogne, lumache alla bourgogne con gorgonzola, lumache all'ossolana con polenta, spiedini di lumache, lumache fritte, pasta e specialità alla griglia. Le serate danzanti sono allietate da complessi live.

 sagra della patata Sagra della Patata a Montecrestese
A fine Agosto, tre giorni di festa campestre, con varianti gastronomiche e organizzazione impeccabile, zona giovani, zona liscio, zona di ballo sudamericano. Intervengono espositori locali e parcheggiare non è un problema nonostante l'alta affluenza. La manifestazione è ben organizzata e viene tenuta nell'area del campo sportivo di Montecrestese, a pochi metri dell'uscita della superstrada. 
 sagra del mirtillo Sagra del mirtillo a Bognanco
Festa con giochi, musiche e tanti mirtilli delle nostre valli. La manifestazione si svolge nella prima decade di settembre, nel piazzale antistante le terme.
 sagra del fungo Sagra del fungo di Trontano
Verso l'ultima decade di settembre a Trontano si svolge la sagra del fungo, tre giorni di enogastonomia locale, esposizioni, sfilate, musica e balli. Ben organizzata e sempre tanto frequentata.
 festa dell'uva Festa dell'uva Masera
Grande festa con sfilate, spettacoli e tanta gastronomia, in una struttura ben congeniata all'esecuzione della manifestazione. Si tiene entro la prima metà del mese di settembre.
 sagra della noce e della castagna Sagra del Noce e della castagna
Due distinte sagre che si svolgono in valle Antrona, rispettivamente ad Antrona e Seppiana, a cavallo tra fine settembre e ottobre. Degustazione piatti tipici a base di castagna.
 sagra della polenta Sagra della Polenta
A Cuzzego la prima decade del mese di ottobre, si svolge la domenica la sagra della "polenta di Cuzzego"
 sagra dell' asino Sagra dell'asino
La manifestazione autunnale si connota non solo come momento gastronomico, ma anche come occasione per conoscere da vicino gli asinelli, sulla cui soma i più piccoli potranno fare escursioni ed anche giochi, con musica e intrattenimenti nelle vie del centro. 
 mele e miele Sagra Mele Miele
A Baceno, verso fine ottobre, primi di novembre, una delle sagre più caratteristiche delle nostre valli. Mostra mercato di prodotti tipici, canti e balli.
Palio degli asini

Il 15 di agosto l’assolato borgo di Premosello Chiovenda si anima per una felice ricorrenza ovvero il “Palio degli Asini”.
Già nei giorni precedenti l’evento tutto il paese e le frazioni di Colloro e Cuzzago sono in festa e inalberano vessilli colorati a simbolo dei diversi cantoni.

operatori turistici

Con oltre 140.000 visite annue ossola.com è dal 1997 il portale turistico numero uno delle valli dell'Ossola. Se sei interessato ad avere visibilità su questo portale contattarci ora! 

Eventi Valli dell'Ossola