Natura

La Castagna

castagne Credo che il castagno sia la pianta più nota ed amata che si conosca.
Prima dell’introduzione della patata la castagna era infatti una risorsa alimentare essenziale per i popoli delle nostre vallate, o addirittura unico cibo nei periodi di carestia.
Oggi viviamo in un periodo di abbondanza e le caldarroste sono diventate uno spuntino che si acquista nelle feste per ingannare l’attesa del prossimo pasto o per riscaldarsi le mani.
Sino a non molto tempo fa invece, il castagno ed i suoi frutti erano associati ad attività economiche ed artigianali, tradizioni paesane e domestiche al punto che si può parlare,  presso alcune comunità, di una vera e propria civiltà del castagno.
Leggi tutto...

Piante selvatiche commestibili

Aglio Orsino Una passeggiata alla scoperta delle erbe selvatiche commestibili.

In  primavera  si sente il bisogno di rilassanti passeggiate nei campi e nei boschi per assaporare con piacere i primi profumi e colori che la natura ci offre in questa splendida stagione. Camminare nel verde delle nostre valli è anche un invito a guardarci attorno con occhio attento: al piacere di una salutare camminata si può aggiungere la curiosità di scoprire e riconoscere alcune comuni erbe selvatiche che con il loro aroma e qualità gastronomiche hanno arricchito la tavola dei nostri nonni con piacevoli e saporite insalate.
Leggi tutto...

Mirtillo

Mirtillo Nero Il piccolo frutto blu o mirtillo nero (Vaccinium myrtillus)

La bocca, la lingua e le mani blu accomunano allegramente grandi e bambini in certi periodi dell'anno sulle nostre montagne  come in tutte le Alpi. Che sia forse un rituale d'estate o di fine estate a cui partecipano soprattutto donne e bambini e pochi uomini? Un gioco? Una malattia?
Nooo, lo sappiamo tutti, da luglio a settembre, a seconda delle altitudini, le nostre montagne sono cosparse dei gustosi piccoli frutti blu, i mirtilli e quasi nessuno sa resistere al loro richiamo. E allora una gran quantità di persone si ritrova accovacciata nei Vaccinieti (così si chiamano le distese di mirtilli) a cogliere mirtilli, chi casualmente durante un'escursione, chi volutamente, armati di "pettine" o "raspino" e contenitori di ogni tipo.
Leggi tutto...

Andar per funghi...

Funghi Porcini La Regione Piemonte nell’anno 2007 ha approvato una nuova legge che regolamenta la raccolta dei funghi epigei spontanei, consentendola previa autorizzazione (tesserino) avente validità su tutto il territorio regionale. La legge è entrata in vigore dal giugno 2008 e prevede la possibilità di pagare la concessione di raccolta per tre annualità, consentendo un risparmio all’utenza sulle marche da bollo, che sono obbligatorie, infatti sul triennale ne va una per tre anni, anziché una all’anno. Inoltre per i residenti di comunità montana è possibile pagare la metà del canone di concessione (€15,00* invece di 30,00*), ma in questo caso il permesso di raccolta è valido solo nei comuni di pertinenza della comunità stessa.
Leggi tutto...