Prodotti
Partecipa
  • food.jpg
  • food_credenzin.jpg
  • food_funghi.jpg
  • food_vini.jpg
  • bettelmatt-marchiatura.jpg
  • polenta-formaggio.jpg
Bettelmatt

Tecnologia e caratteristiche
Il Bettelmatt® è un formaggio ottenuto dal latte crudo intero di un’unica mungitura, prodotto esclusivamente tra la fine di giugno ed i primi di settembre. La stagionatura minima è di 60 giorni.
Le forme sono cilindriche di circa 5 kg di peso, un’altezza 6/7 cm., e un diametro di 30/35 cm. La pasta è compatta e morbida, di colore giallo oro o paglierino con occhiatura media e la crosta è liscia. Localizzazione e denominazione
Il Bettelmatt® si produce esclusivamente in sette alpeggi della Valle Antigorio-Formazza nei Comuni di Formazza, Baceno e Premia denominati: Morasco, Kastel, Val Toggia, Vannino, Poiala, Forno, Sangiatto, l’altitudine rispetto al livello del mare va da 1800 a 2400 mt. circa.
Il Bettelmatt® originale porta sulla crosta la data di produzione, il bollo CEE del produttore ed è marchiato a fuoco.
Bettelmatt® è un marchio registrato.
L'origine
Con il nome “Bettelmatt” si identifica fin dal XIII° secolo, epoca della colonizzazione walser della fascia subalpina, un formaggio di eccellenza che veniva utilizzato come merce di scambio, per il pagamento di canoni d’affitto o concessioni d’alpeggio oppure tasse, ma non solo. Il nome Bettelmatt, infatti, pare derivi da “Battel” che significa questua, quindi era senz’altro utilizzato per forme di beneficenza e l’unione con il termine  “Matt”, che in tedesco significa pascolo, rende chiaro il significato del nome in: “pascolo della questua”.

Per approfondire: bettelmatt.net

 

 eng
Technology and Characteristics
Bettelmatt® is a cheese obtained from raw whole milk from one single milking. It is produced exclusively between the end of June and the beginning of September with the milk of cows grazing the mountain pasture. It is ripened for a minimum of 60 days. Forms are cylinder-shaped, 30/35 cms in diameter, and 6/7 centimeters high. Each form weighs approx. 5 kilos. The texture is soft and compact, of a golden-yellow or straw-yellow colour, with average size holes. The rind is smooth.
Origin and Denomination
Bettelmatt® is made exclusively by seven producers - Morasco, Kastel, Val Toggia, Vannino, Poiala, Forno, Sangiatto - located in the mountain villages of Formazza, Baceno and Premia in the Alpine Antigorio - Formazza Valley in Piedmont. The producers' farms and pastures are at an altitude ranging between 1,800 and 2,400 meters a.s.l. Original Bettelmatt® cheese is fire branded, and production date and EEC certification mark are visible on the rind.
Bettelmatt® is a registered trademark
History
The word “Bettelmatt” has been used since the 13th century - the time of the Walser colonization of the Southern area of the Alps - to identify a very special cheese, often bartered for other goods or used for paying taxes and rents for homes or pastures. Moreover, it seems that the name 'Bettelmatt' derives from 'Battel' that means 'begging', to indicate that the cheese was used in some form of charity. The combination with the term 'Matt' that means 'pasture' further clarifies the meaning of the name: 'the pasture of begging'.

For more information: bettelmatt.net

Il Masaret

In qualche località si chiama sràz, in altre sangarlìn. A Colloro, invece, viene chiamato masarèt. Si tratta di un particolare tipo di ricotta di latte di vacca e di capra che i vecchi contadini fanno stagionare in speciali contenitori fatti di semplice corteccia di betulla o di faggio (rusca ‘d bèula o ‘d fuscàal), localmente chiamati böz, cuciti insieme con lunghe e sottili strisce pure di corteccia, e più recentemente con del filo di ferro.

Bettelmatt

La Valle Antigorio Divedro Formazza è la punta estrema del Piemonte, costituita prevalentemente da territorio montuoso, con una superficie di 61.033,00 Km2 con circa 12.000 abitanti. È un contesto montano che come spesso accade appare abbastanza chiuso, malgrado ciò, in alcuni settori le imprese e le istituzioni hanno saputo coniugare la tradizione culturale con una modernità più simile a quella che si può trovare nelle aree urbane delle grandi città del nord, che si distinguono per le azioni dirette alla salvaguardia delle produzioni artigianali ed industriali, e anche nell’ambito più generale del made in Italy.

Formaggi caprini

Da apprezzato prodotto di ripiego a ricercato ingrediente per specialità gastronomiche di nicchia il latte di capra, che nell'epoca dell'allevamento di sussi­stenza era alimento di scarsa qualità, ma spesso indispensabile, ha trovato una sua dignità nell'era della globalizzazione. È ormai un ricordo dei tempi andati, quelli che rammentano gli alpigiani più anziani, l'utilizzo della "povera" capra (ma anche della pecora), specie sovente bistrattata - particolarmente al cospetto della più "nobile" vacca e allevata a mo'di ripiego nelle vallate ossolane.

operatori turistici

Con oltre 140.000 visite annue ossola.com è dal 1997 il portale turistico numero uno delle valli dell'Ossola. Se sei interessato ad avere visibilità su questo portale contattarci ora!